David Sassoli: un Europarlamentare PD alla Presidenza del Parlamento Europeo


Oggi, 3 luglio 2019, David Sassoli, europarlamentare giunto alla terza legislatura europea e già tra i Vicepresidenti del Parlamento nella passata legislatura, è stato eletto alle seconde votazioni – con 345 voti a favore sui 332 richiesti – Presidente del Parlamento Europeo, che egli ha definito come “la casa della democrazia europea”.

L’Unione Europea non è un “incidente della storia”, ma l’antidoto più efficace al nazionalismo e alle tragedie storiche che esso ha prodotto: così ha affermato nel suo discorso di insediamento, individuando nella riforma del Regolamento di Dublino sui flussi dei migranti il primo compito all’ordine del giorno del Parlamento.

Oltre che dal Partito Socialista Europeo, la candidatura di Sassoli, che prima di giungere all’attività politica nel 2009 era stato giornalista a “Il Giorno” e poi alla RAI fino a divenire Vicedirettore del TG 1, è stata sostenuta dal Partito Popolare Europeo, che non ha presentato propri candidati. Nonostante gli immediati commenti negativi di Salvini e la freddezza di Di Maio e nonostante l’astensione di Forza Italia che, come è noto, è membro del PPE, la Camera dei Deputati italiana ha accolto con un forte applauso la nomina di Sassoli, al quale spetterà un compito non facile, già al prossimo compito che dovrà affrontare il Parlamento nel confermare alla Presidenza della Commissione la candidata designata dai Governi, Ursula von der Leyen, attualmente Ministro della Difesa della Repubblica Federale di Germania. In ogni caso, nonostante i complessi equilibri definiti dalle ultime elezioni europee, le istituzioni europee sembrano essere pronte a riprendere tempestivamente il loro cammino e ad affrontare i non facili compiti che le attendono.

Per il piccolo Circolo PD di Karlsruhe, la vicinanza a Strasburgo, sede del Parlamento Europeo, e la nomina di un europarlamentare PD alla Presidenza del Parlamento Europeo ci fanno sentire ancor più l’Europa come “nostra casa”, alla quale abbiamo sempre cercato di arrecare il nostro convinto contributo.

L’augurio è inoltre che tutto ciò possa avere conseguenze positive per la stessa situazione politica italiana, e anche in questo caso l’avvenuta scarcerazione di Carola Rakete è un’indicazione positiva.

A casa in Europa

Verso la festa del 10 maggio

Venerdì 10 maggio ormai è vicino. Il circolo PD di Karlsruhe ha scelto questa data per richiamare l’attenzione di tutta la comunità italiana – e non solo – sull’importanza delle prossime elezioni europee previste per il 26 maggio; a Karlsruhe, e in tutto il Baden-Wuerttemberg, quel giorno verranno rinnovati anche i Consigli comunali. Per questo nella Gemeindesaal della Chiesa di San Pietro e Paolo (Sophienstr. 234 – 76185 Karlsruhe) – ci ritroveremo tutti a partire dalle ore 18 in primo luogo per una festa comune, che vuole essere una festa italiana aperta all’Europa. Siamo particolarmente lieti di aver infatti trovato la SPD di Karlsruhe pienamente concorde in questa iniziativa, così che questo incontro è organizzato insieme dal PD e dalla SPD della città. Ci aspetta molta musica italiana, ci aspetta una piccola offerta gastronomica, perché vogliamo essere insieme per contrapporci così all’individualismo esasperato del sovranismo dilagante. E in questa atmosfera festiva vogliamo naturalmente scambiarci le nostre idee – e le nostre informazioni – sulle prossime elezioni. Siamo molto grati a Roberto Cociancich, che è stato Parlamentare del PD nella scorsa legislatura ed è stato già in altre occasioni nostro ospite, e a Parsa Marvi, che guida la lista SPD al Comune ed è nostro iscritto onorario, perché interverranno e forniranno un loro contributo di grande rilievo per avviare il nostro dibattito. Infatti abbiamo previsto un ampio spazio dedicato alla discussione, che potrà avvenire nelle due lingue, sia in italiano che in tedesco. Per questo ci auguriamo che possano intervenire e venire a trovarci il numero più alto di persone: l’Europa è la nostra casa comune, ed essa riguarda tutti, anche coloro che non si riconoscono del tutto nelle posizioni dei due partiti. Noi abbiamo lavorato con molto impegno in questi giorni sia per diffondere quest’incontro, sia per organizzarlo nel modo migliore, in modo che tutti possano realmente sentirsi tra amici – appunto come in una casa ospitale e simpatica.  

Partecipa all’evento